Canali

Anna Catella

WEEVIL, RIVOLUZIONE A 3 RUOTE

WEEVIL È IL VEICOLO A 3 RUOTE CHE CAMBIERÀ LA MOBILITÀ URBANA

Sport

Weevil, la rivoluzione dei veicoli elettrici

Weevil è un progetto di mobilità sostenibile a basso impatto ambientale: il suo obiettivo è creare un veicolo a tre ruote che unisce al comfort dell’auto, la praticità della motocicletta.

Oltre a rivoluzionare il concetto di mobilità urbana, Weevil promuove il concetto di mobilità elettrica grazie all’utilizzo di tecnologie innovative, tra cui il dispositivo PINCER, un meccanismo che permette al veicolo di variare la sua grandezza, consentendo all’automobile di adattarsi anche a spazi più piccoli.;

Un’altra innovazione di questo progetto riguarda l’utilizzo del materiale composito, tra cui una fibra di vetro realizzata con tecniche innovative e che scherma i raggi UV.

Le speranze, ora, sono quelle di vedere Weevil di frequente sulle strade, sia come car sharing, sia come servizio che possa essere commercializzato sotto il brand di un marchio che produce autovetture e, che, abbia una rete di distribuzione che possa garantire una diffusione del veicolo.

Attualmente Weevil è solo un prototipo, e grazie alla sua ottima qualità, le speranze di creare un prodotto eccellente sono elevate. I test per migliorare le prestazioni sono già in atto e si continuerà a lavorare per ottimizzarle sempre di più.

Incentivi, ecobonus e vendite di auto elettriche ed ibride

Dal 2 marzo 2019, chi immatricola in Italia un’auto elettrica con emissioni di co2 fino a 20 g/km, potrà godere dell’ecobonus auto 2019, un incentivo che va dai 4.000 a un massimo di 6.000 euro, insieme ad altre agevolazioni riguardanti l’acquisto di Wall-Box, ovvero stazioni di ricarica per auto elettriche. Questa spesa sarà detraibile fino al 50%, per un imposto di massimo 3.000 euro. ;

Ad oggi, in Italia, il 27% dei mezzi in condivisione sono elettrici, e solo nel primo semestre del 2018, c’è stato un aumento, rispetto all’anno precedente, dell’89% di auto immatricolate.

Lo scenario mondiale invece, vedrà entro il 2025, la metà delle auto prodotte essere ibride e a emissioni 0.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su