Canali

Marta Elena Casanova

IL VINTAGE VA ONLINE CON LE CASE D’ASTA

IN ITALIA CI SONO MAISON BIBELOT, FINARTE E IL PONTE CASA D’ASTE

Lifestyle

Le Case d'Asta e il vintage online

Uno dei trend più diffusi nella moda, dall'abbigliamento all’arredamento, è senza ombra di dubbio quello del vintage. Capi “rispolverati” da un passato anche di trenta o quaranta anni prima o elementi d’arredo unici che ritornano alla luce assumendo un gusto tutto nuovo, retrò e affascinante: il vintage è sempre più richiesto sul mercato. Quello del vintage è un fenomeno nato “ufficialmente” negli anni '80 in Francia ed Inghilterra. Ed è proprio in U.K. che sono nate le prime Case d'Asta come Sotheby's e Christie's, le più grandi al mondo, che si sono occupate della compravendita di abiti ed elementi d’arredo in stile vintage: pezzi firmati e originali diventati splendidi oggetti da collezione per gli appassionati del settore. Col tempo intere collezioni sono state messe all'asta: Christie's nel 2014 ha venduto l'intero guardaroba appartenuto a Elsa Schiaparelli e quello di Audrey Hepburn nel 2017.

Le Case d’Asta italiane e il vintage

In Italia tra le Case d'Asta che si occupano del vintage ci sono Il Ponte Casa D’Aste, Maison Bibelot di Firenze o Finarte di Milano. Proprio quest’ultima nel 2019 ha fatturato oltre 1 mln di euro, con un'asta di 80 borse firmate Hermès. Il mercato vintage è sicuramente molto appetibile: molti accessori vengono venduti infatti a partire da 100/120 euro e il pubblico, composto soprattutto da persone fra i 30 e 40 anni, sembra rispondere positivamente. A parlarci delle Case d’Asta che si occupano del vintage è Cristiana Gani, esperta di vintage per Il Ponte Casa d’Aste:Siamo stati la prima casa d’asta a proporre il vintage in Italia. Il negozio ha dei prezzi molto più alti mentre la casa d’asta ha prezzi più abbordabili che hanno sempre una garanzia. Tra i clienti ci sono sia i musei che i privati ma, grazie all’online, possiamo raggiungere Paesi come Francia, Inghilterra e addirittura Giappone e Australia”.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su