Canali

Michele Monina

THE SHOOTER - DOLCENERA

AMAREMARE, LE COVER TRAP E IL MONDO DELLO STREAMING

Music

Dolcenera: economia e musica

Ho sempre visto la musica come un grande parco giochi nel quale sguazzare, giocare, divertirmi. La musica è fatta di ricerca, di trip mentali che mi piace seguire per sentirmi un po’ diversa da quello che ero un anno fa. Per me funziona sempre così per la parte artistica, musicale ma non per la parte economica: economia accanto alla parola musica è un controsenso, come se fosse un paradosso temporale. Spesso vengo criticata da chi mi sta accanto. Ma la musica è solo una forma, le parole, che sono il messaggio, rimangono la comunicazione principale e dietro quella si deve andare a leggere”.

Le cover trap

“C’è stato un momento in cui ho voluto fare un viaggio in Brasile, Cuba, Miami e mi ha colpito molto la riscoperta delle percussioni tribali per tirar fuori l’anima, la parte più viscerale, quella senza involucro che ti da il vivere quotidiano. In questa scoperta ho evitato il reggaeton che era troppo inflazionato perché sentivo in questi pezzi delle parti di scrittura premeditata. Ho fatto un esperimento, le cover trap: il linguaggio di ogni genere può appartenere o no alle varie generazioni, può essere valutato a seconda del livello culturale, del gusto che hai e della funzione sociale che ha quel linguaggio. Ho ripreso canzoni che hanno avuto un certo successo. C’era da ridere perché sembravo ridicola con queste parole addosso”.

Il nuovo singolo, "Amaremare"

“Non sono nata nè sui social nè sullo streaming: non mi sento rappresentata nel modo in cui tu ascolti e poi vieni indicizzato nei tuoi ascolti e ti vengono proposte altre canzoni. Se c’è una cosa che odio è l’essere tracciati e l’essere messi in un algoritmo: non funziona così perché gli esseri umani sono cangianti. Tra social e streaming non si capisce qual è la realtà e io, che sono cantautrice, ho bisogno di comunicare con le persone: con chi sto comunicando? Dove stanno? Un cantautore dev’essere specchio della realtà ed è difficile capirlo perché questa viene etichettata e legata a tutto ciò che è tracciabile. Amaremare è il mio nuovo pezzo ed è un po’ un mantra: amare il mare vuol dire amare te stesso”.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su