Canali

IL PROBLEMA DELL’INQUINAMENTO AEREO

DAL 2013 AL 2018 HANNO RILASCIATO IL 32% IN PIÙ DI CO2

Tg Pop News

Quanto inquina un aereo? 

Per recarsi a New York dove ha pronunciato il suo discorso al Climate Summit delle Nazioni Unite, Greta Thunberg ha scelto una barca vela: niente aereo, troppo inquinante, solo il vento e le onde dell’oceano. Una mossa, quella dell’attivista svedese, che riporta l’attenzione sul problema del traffico nei cieli e sull’inquinamento gli aerei. Ce ne parla Leonard Berberi dalle pagine del Corriere della Sera analizzando l’ultimo report dell’International Council on Clean Transportation. Gli aerei stanno inquinando di più e più velocemente  di quanto previsto dalle Nazioni Unite: dal 2013 al 2018 l’anidride carbonica da essi rilasciata è cresciuta del 32% e si prevede che, entro il 2050, triplicherà. Il 2018 segna un anno nero: i velivoli hanno emesso 918 milioni di tonnellate di anidride carbonica, il 2,8% delle emissioni globali, più alto di mezzo punto percentuale di quello del 2016 e di quasi il 70% rispetto al 1990 (542,3 milioni). Sebbene dal 1990 al 2018 i passeggeri siano cresciuti del 327% sembra che l’inquinamento per passeggero in 28 anni sia calato del 60%. Le compagnie aeree, infatti, hanno rinnovato le loro flotte con velivoli più efficienti e meno inquinanti. Il risultato è che dal 1990 ogni viaggiatore ha emesso in media 529 chili di diossido di carbonio, scesi a 246,6 nel 2016 e calati a 209,7 nel 2018.

Inquinamento aereo: di chi è la colpa?

In ambito aereo, ben 747 milioni di tonnellate di anidride carbonica, pari all’81% delle emissioni totali, è rilasciata dagli aerei commerciali, soprattutto quelli domestici che nel 2018 hanno costituito i due terzi di tutti i collegamenti operativi.

I Paesi con i cieli più inquinati sono:

  1. Stati Uniti (24% dell’intera CO2 emessa)
  2. Cina (13%)
  3. Regno Unito (4%)
  4. Giappone (3,1%) 
  5. Germania (3%)

I voli nazionali hanno emesso 296 milioni di tonnellate di anidride carbonica, cioè il 40% del totale del trasporto aereo passeggeri. Le rotte interne all’area Asia-Pacifico sono le protagoniste dell’inquinamento atmosferico, il 25% del globale, ma responsabili sono anche i viaggi all’interno del Nord America e in l’Europa. Per quanto riguarda, invece, i tipi di velivolo più inquinanti, sono i Narrowbody, per le tratte di corto-medio raggio, come l’Airbus A320 o il Boeing 737.

Come risolvere il problema dell’inquinamento aereo? 

  1. Per essere un viaggiatore responsabile, secondo gli esperti della commissione europea, per distanze fino ai 600 chilometri sarebbe meglio spostarsi in treno.
  2. Puntare di più su Airbus A350 e gli A330neo, i Boeing 777X per i voli intercontinentali, gli A220 e i Boeing 737 Max per i voli di corto e medio raggio. Sempre più compagnie investono sui bio-carburanti e, consapevoli della maggiore coscienza collettiva che si ha col Green, diventano più trasparenti sulle emissioni di CO2.
  3. Poi c’è la Green Tax sui biglietti arei, adottata già da Francia, Germania, Svezia: una percentuale del biglietto viene reinvestita in politiche di trasporto sostenibile. . 

Alexa per i non vedenti 

Un tool dello smart speaker di casa Amazon aiuterà gli ipovedenti e i non vedenti a riconoscere gli oggetti: la nuova funzione di chiama “show and tell”.

La mostra per la casa dei film

Dal 26 ottobre a Taranto, nella splendida cornice del castello aragonese, si inaugura la mostra dedicata al 50° anniversario della costruzione di casa Papanice. Simbolo dell’architettura post-moderna, casa Papanice è stata il set di un pezzo di storia del cinema italiano: tra le sue mura hanno recitato attrice e attori del calibro di Monica Vitti, Ugo Tognazzi, Marcello Mastroianni e Ugo Pagliai.

Perché non partire per l'Antartide?

Se la risposta è sì, fatevi sotto: potete candidarvi visitando il sito airbnb.com/sabbatical e compilare il modulo apposito. L’iniziativa è promossa da Airbnb e la vostra compagna di viaggio sarà la scienziata Kirstie Jones-Williams. Lo scopo? Scoprire e analizzare il grado di penetrazione delle microplastiche nel suolo dell'Antartide.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su