Canali

PAGAMENTI ELETTRONICI O CONTANTI?

PIÙ DELLA METÀ DEGLI ITALIANI PREFERISCE LA BANCONOTA

Tg Pop News

Pagamenti elettronici vs contanti

Siamo pronti a dire addio al contante? Diminuire l'utilizzo di banconote è un obiettivo dichiarato del nuovo governo, ma a che punto sono gli italiani con questo processo? Ce lo rivela una ricerca targata Facile.it, realizzata da mUp Research in collaborazione con Norstat. Più della metà degli italiani, il 50,1% pari a 22,4 milioni di cittadini, dice no all’addio alla banconota. L’immagine del nostro Paese che emerge da questo sondaggio è di una realtà quasi perfettamente spaccata in due: se il 49,9% degli intervistati si è detto ben disponibile ad abbandonare una volta per tutte il contante, il 50,1% ha risposto in maniera negativa. Le più affezionate al contante sembrano essere le donne: il 58,4% si dice afferma di non essere assolutamente pronto per un passaggio totale al pagamento elettronico.

  • Dal punto di vista geografico i più affezionati al contante sono gli italiani del Nord Ovest e del Nord Est, con percentuali rispettivamente del 51% e del 52,4%. Al Centro e al Sud, invece, il fronte del no scende al 49%.
  • Dal punto di vista anagrafico, sono i giovani a essere più preparati ad affrontare questo passaggio: nella fascia tra i 18 e i 24 anni il 62% si dice prontissimo a usare solo la moneta elettronica.

Ma perché gli italiani non sono pronti a effettuare una volta per tutte questo passaggio?

  1. Secondo il 36% degli intervistati utilizzare il denaro contante è più comodo e facile rispetto agli strumenti di pagamento elettronici.
  2. Il 18% sceglie di utilizzare i contanti per abitudine.
  3. L’11,1% preferisce i contanti perché in questo modo può controllare meglio le proprie uscite.
  4. Il 10,2% preferisce le banconote perché ha paura che lo Stato possa tracciare tutte le spese.
  5. L’8,3% dice no alle carte di credito, di debito e alle prepagate perché sono ritenute meno sicure

Abbiamo detto però in precedenza e l’avevamo già analizzato con il commento di Francesco Specchia che, anche per contrastare l’evasione fiscale, vera piaga della nostra economia e vera malattia che mina lo stato di salute delle nostre casse statali, il governo sta incentivando l’utilizzo di pagamenti elettronici a discapito del contante. Secondo l’indagine di Facile.it la leva che potrebbe essere più efficace per abbandonare le banconote sarebbe quella degli sconti: quasi 6 intervistati su 10 sono disposti a utilizzare pagamenti elettronici qualora venissero riconosciuti sconti sulle transazioni effettuate. Soprattutto le donne, il 60,1% e i più giovani, 72% degli intervistati che hanno tra i 18 e i 24 anni, sono i più interessati a questo incentivo. È interessante notare però che, sebbene, come detto, questa transazione dai contanti ai pagamenti elettronici venga incentivata dal governo principalmente come strumento per combattere l’evasione fiscale, in realtà questa motivazione sembra aver poca, pochissima presa sugli italiani. Solo 1 su 3 (32%) ha indicato questo aspetto come leva efficace per fargli cambiare idea circa l’uso delle banconote cartacee.

Yape: il robot degli aeroporti

Ti accompagna al gate e ti porta pure il bagaglio, si chiama Yape ed è un robot tutto italiano prodotto dalla società e-Novia

Se vinciamo ti regalo il materasso

Jim McIngvale, imprenditore americano, ha scommesso una cifra record di 3,5 milioni di dollari sugli Houston Astros vincenti alle World Series, le finali del campionato di baseball americano. McIngvale ha anche lanciato una promozione che prevede il rimborso a tutti i clienti che spenderanno almeno 3mila dollari presso i suoi negozi di materassi, Gallery Furniture, in caso di vittoria degli Astros.

La scia di sangue dell’avocado 

Dal 2006 al 2015, 3 milioni di dollari all’anno e 8mila vittime: è il bilancio drammatico della guerra per il business dell’avocado. Siamo in Messico, nella regione di Michoácan e un gruppo di narcotrafficanti minaccia i produttori del frutto preferito dai millennial. Dopo una forte resistenza armata locale la regione è finalmente libera dalle bande di narcos ma il prezzo pagato è stato altissimo.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su