Canali

OLIMPIADI INVERNALI 2026: UN BUSINESS POSSIBILE?

DATI E NUMERI SULA MANIFESTAZIONE

Tg Pop News

Le Olimpiadi Invernali 2026 saranno italiane con Milano e Cortina come protagoniste. I giochi avranno luogo anche in altre sedi dalla Lombardia al Veneto e al Trentino-Alto Adige. Anche Torino, sede ufficiale dei giochi olimpici invernali del 2006, si offre di mettere a disposizione i propri impianti per le gare di bob. La cerimonia d’apertura con la relativa accensione della fiamma olimpica avverrà il 6 febbraio 2026, allo stadio Meazza di Milano. Il tedoforo che porterà la tanto ambita torcia rimarrà un segreto per ancora 7 anni.

Il Business delle Olimpiadi

Le Olimpiadi Invernali del 2026 porteranno benefici all’economia italiana, in particolar modo a quella del Nord Italia. Secondo quanto riportato da uno studio svolto dalla Sapienza, l’impatto che questo grande evento genererà sul Prodotto Interno Lordo sarà di ben 2,3 miliardi di euro. L’Università Bocconi, inoltre, stima 3 miliardi di ricavi per la Lombardia e l’Università Ca’ Foscari ha previsto per il nordest ben 1,5 miliardi. L’organizzazione, secondo le stime, costerà circa 1,3 miliardi di euro.

Non solo Olimpiadi: qui di seguito riportiamo le altre notizie del giorno.

Sicuritalia acquisisce Ivri

Sicuritalia, il primo gruppo della sicurezza italiano, acquista Ivri, creando così un vero e proprio colosso della sicurezza: il primo polo italiano di questo settore al servizio delle istituzioni e delle aziende italiane. Un’unione prosperosa, grazie a un fatturato che arriverà, secondo Il Sole 24 Ore, a 650 milioni di euro per 15mila dipendenti.

Il doppio sostegno statale

Secondo il Sole 24 Ore, dei 674mila nuclei familiari che beneficiano del reddito di cittadinanza, ben 248mila percepiscono il reddito d'inclusione: ciò significa che il 37% delle domande ricevute dall’Inps sul sostegno economico sono in parte da chi già godeva di aiuti da parte dello Stato. La maggior parte dei nuclei familiari (170mila) che percepiscono i due sostegni economici proviene dal Sud d’Italia e dalle Isole

Ferrero è Plastic Free

Ferrero decide di rinunciare alla plastica, impegnandosi nella ricerca d'imballaggi ecosostenibili. Una scelta ambientalista che ha permesso a Ferrero di risparmiare ben 6.500 tonnellate di plastica in 5 anni. 

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su