Canali

EVASORI FISCALI IN CARCERE?

FORSE LE MISURE DURE NON SERVONO PER COMBATTERE L’EVASIONE FISCALE

Tg Pop News

Evasori fiscali: come si combattono?

A scoraggiare gli evasori ci penserà il carcere, anzi no. La stretta giustizialista però non piace a tutti e ha scatenato un forte dibattito politico. Ecco cosa ne pensa Angelo Deiana, presidente di Confassociazioni, ai microfoni di Popeconomy: “Il tema del carcere è di effetto annuncio perché le misure normative già ci sono. Il grande evasore ha e avrà sempre interesse a evadere e non sarà certo il tintinnio delle manette a distoglierlo da questo proposito. L’evasione è fatta da chi non paga parte delle tasse e dagli evasori totali e, in questo caso, la volontà di non versare nulla resta sempre la stessa”.

Il settore bancario si restringe

Il settore bancario europeo è dimagrito di circa un quarto negli ultimi 10 anni. Il nuovo numero dell’osservatorio monetario curato dal laboratorio di analisi monetaria dell’Università Cattolica di Milano fotografa la situazione in Italia e in Europa. Ce ne parla il professor Angelo Baglioni, docente di economia monetaria: “C’è stato un ridimensionamento del 25% degli sportelli bancari e questo per via delle crisi e delle nuove tecnologie”. E un approfondimento della ricerca ci illustra la situazione sulla discriminazione di genere e il cosiddetto “Pay Gender Gap”. 

Le sfide per l’auto del futuro

Il settore auto è a un bivio, il cambiamento è iniziato. Ecco le 4 grandi sfide che ci aspettano secondo il “Global Automotive Supplier Study 2019”, lo studio firmato da Roland Berger e Lazard. Ce ne parla Andrea Marinoni, senior partner di Roland Berger: “Siamo in un momento in cui occorre affrontare 4 sfide riconducibili all’acronimo M.A.D.E: M come Mobility, A come Autonomous Driving, D come Dizitisation ed E come electrification. Bisogna investire per guardare al 2030, pensando a clienti che usano strumenti e tecnologia ancora non esistenze. Non sappiamo come ci si arriverà ma occorrerà investire in tecnologie lontane dai domini di riferimento. Una modalità è sperimentare nuove tecnologie, nuove competenze, aumentare l’offerta e i prodotti”:

Il business del fitness in Italia

L’industria del fitness Italia oggi è un vero territorio di conquista. Fotografa la situazione una ricerca targata Ifo, International Fitness Observatory e Politecnico di Milano. Ce ne parla Paolo Menconi, presidente di Ifo. E se pensate che gli appassionati di fitness siano millennial vi state sbagliando, ecco i nuovi target dei frequentatori delle palestre.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su