Canali

Elena Peracchi

SOS OCEANI: INQUINAMENTO CAUSATO DALLA PLASTICA

MAMMIFERI MARINI A RISCHIO ESTINZIONE

Tg Pop News

Mammiferi marini e non solo sono a rischio estinzione per l'inquinamento da plastica ed il riscaldamento delle acque. Se n'è parlato nel corso del dibattito organizzato da L'Isola d'Oro, azienda specializzata in conserve ittiche, a Parma.

Le cause dell'estinzione dei mammiferi marini:

1. Una delle principali cause dell’estinzione dei mammiferi acquatici è l'inquinamento causato dalla plastica. Si stima che attualmente ci sono 8 milioni di tonnellate di plastica sparse tra mari e oceani. Dal punto di vista dell’inquinamento della plastica i problemi sono principalmente due:

  • intrappolamento degli animali
  • ingestione

Sembra che nel 2018 siano morti 100mila animali a causa dell’ingestione della microplastica. Di questi il 50% sono mammiferi marini. Questo fenomeno si manifesta perché spesso le buste assomigliano alle prede di cui questi animali si nutrono e che perciò ingeriscono in grandi quantità, fino a morire di soffocamento. Numerosi gli esempi di questa strage. Quest’anno in Sardegna è stato trovato un capodoglio morto e nel suo stomaco sono stati rinvenuti 22 kg di plastica. Già nel 2018, nelle Filippine, in un capodoglio spiaggiato sono stati trovati ben 33 kg di plastica.

2. Altro problema è il surriscaldamento del globo terraqueo. Nel 2016 il riscaldamento delle acque ha causato la morte del 20% dei coralli. Senza considerare che questo fenomeno provoca la migrazione di specie dei tropici che non riescono più a vivere nel loro habitat naturale. Lo stravolgimento della biodiversità, che avviene soprattutto nel Mediterraneo, fa sì che giungano qui specie esterne all'ecosistema e che provocano danni irreversibili alla fauna locale.

3. Ultimo fattore che sta progressivamente portando all’estinzione di alcuni mammiferi marini è l’uomo. Molte di queste specie infatti sono ancora nel mirino di molti cacciatori.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su