Canali

Marco Scordo

I SOCIAL LUNCH A ROMA: ECCO I PIÙ GUSTOSI A PORTATA DI CLICK

Una nuova moda social friendly che rivoluziona il pranzo

Smartness

I Social Lunch a Roma e in Italia si stanno diffondendo e l'appetito avanza.

Sono 119.891.780 le foto postate su Instagram con l’hashtag Foodporn. Fotografare e condividere foto di ciò che mangiamo è una tendenza che coinvolge proprio tutti. Dal brunch con le amiche alla colazione perfetta.

Il trend del momento? Bagell, avocado toast, macaron. Per gli amanti dell’italian style uno scatto di una classica pizza può far guadagnare oltre 10.000 like.

I Social Lunch a Roma e in Italia è una nuova moda che può influenzare gli oltre 700.000.000 di utenti attivi su Instagram. Lo sanno bene i piccoli e grandi imprenditori del settore food che affidano la gestione dei profili social ad esperti della comunicazione digital.

Lo stile delle location è sempre più social friendly, progettato e realizzato per ottimizzare le interazioni dei clienti via App.

 

Social Lunch a Roma: il pranzo diventa un set fotografico

Nasce così la tendenza del Social lunch a Roma e in Italia. Il pranzo si trasforma in un vero e proprio set fotografico. I protagonisti sono blogger ed influencer che interpretano e raccontano l’esperienza condividendo foto e video sui loro profili, seguiti da migliaia di persone. Da New York a Parigi, da Rio a Milano, la tavola è diventata globale e virtuale in un rincorrersi di post, una sola lingua, per tutti i cibi del mondo.

Pranzo o colazione, purché sia condiviso sui social naturalmente.

Benny Bedussa, titolare di Madeline, ci racconta l’iniziativa che ha voluto lanciare, di coinvolgere le più importanti blogger romane e italiane che parlano di cibo tramite il loro punto di vista, i loro format e le loro foto.

È questa Madeline: cappuccini a regola d’arte e croissant appena sfornati serviti su porcellane d’epoca. Sono sempre più i locali che si affidano alle foto degli influencer. Organizzare questi Social lunch a Roma e in Italia consente di raggiungere un pubblico targettizzato che va oltre l’advertising tradizionale.

E il passaparola diventa il nuovo storytelling a colpii di like e hashtag.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su