Canali

Chiara Samorì

ASSICURAZIONI E BOLLETTE: QUANTO RISPARMIANO GLI ITALIANI? Da un'indagine condotta da mUp Research sono emersi dati relativi ai risparmi degli italiani

Tg Pop

In tempi di crisi, di contratti a tempo e di caro vita, quanto risparmiano gli italiani?
Nella maggior parte dei salvadanai del Bel Paese, qualcosa si trova. 
Nell’ultimo anno, il 60 per cento delle famiglie è riuscito a fare economia, il restante 40, invece, non ha messo da parte neanche uno spicciolo.

Sono alcuni dei dati emersi dall’indagine condotta da mUp Research con l’ausilio di Norstat per Facile.it, su un campione rappresentativo della popolazione adulta con 1023 intervistati.

Come sottolineato da Andrea Polo di Facile.it, buona parte degli italiani vorrebbe tagliare i costi delle bollette della luce, anche quelli del gas, e poi dell’Assicurazione dell’auto. Seguono le tariffe Adsl/fibra ottica, il mutuo della casa, i costi relativi al conto corrente, ai prestiti personali e alla carta di credito.

Quanto risparmiano gli italiani? Dalla bolletta elettrica all’Adsl

E se da un lato c’è chi vorrebbe spendere meno, dall’altro c’è chi ci è riuscito. Più di 11 milioni di italiani hanno imparato a risparmiare sul costo dell’RC Auto, mentre una percentuale inferiore è riuscita a ridurre i costi della bolletta elettrica e dell’Adsl, quelli del gas e del conto corrente.

Così facendo le famiglie hanno messo da parte un discreto gruzzoletto, in media 620 euro. Tuttavia il 60 per cento di coloro che hanno risposto alle domande dell’indagine, ha risparmiato una somma compresa tra i 100 e i 300 euro in un anno.

 

Quanto risparmiano gli italiani? E i millennials?

Anche i Millennials sono riusciti ad accantonare qualcosa. Facendo scelte oculate sulle spese di casa, il 65 per cento di loro è riuscito ad accumulare circa 660 euro.

«Chi cerca trova», dice il detto e nei settori della telefonia e della Pay Tv, a cercare sono proprio in tanti: nel 2018 il 36 per cento degli intervistati ha cambiato operatore telefonico, mentre un cliente su cinque ha scelto di abbonarsi a una nuova TV a pagamento.

I motivi?

A spingere verso un nuovo fornitore, è in primis il prezzo, ci sono però anche altre ragioni, come la non condivisone delle politiche dell’operatore o anche la qualità dei contenuti del servizio offerto.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su