Canali

Marta Elena Casanova

QUANTO GUADAGNANO LE CALCIATRICI?

Smartness

In Italia come in molti paesi il compenso delle calciatrici è ridotto, talvolta al solo rimborso spese. Nonostante le giocatrici si impegnino al pari dei colleghi uomini, giochino nei campionati maggiori e nelle Nazionali, quello che guadagnano spesso non è sufficiente, e la via è quella di trovare un altro lavoro. In Italia per la L. 91/1981 le calciatrici non vengono considerate Professioniste ma Dilettanti. Questo comporta la mancanza di numerose tutele e uno stipendio limitato. Tuttavia Serie A e B sono oggi sotto l'egida della FIGC e non più della LND, fatto che può aiutare anche in termini economici. Dal compenso massimo di 28.158 euro previsto sotto la Lega Nazionale Dilettanti si è passati a 30.658 euro, cifra che può aumentare con premi societari. Di fatto in Italia non esistono veri e propri contratti tra giocatrici e Club ma accordi, per lo più annuali. In molti chiedono il passaggio al professionismo per permettere al calcio femminile di crescere, rendendo il massimo campionato più appetibile anche per le straniere. Una soluzione potrebbe arrivare dal semiprofessionismo per agevolare le Società da un punto di vista fiscale e contributivo. Ma se in stati come la Norvegia calciatori e calciatrici della Nazionale guadagnano le stesse cifre, e se la brasiliana del Rosengard Marta Vieira Da Silva e la Francese del PSG Laure Boulleau arrivano a guadagnare rispettivamente 500.000 e 60.000 $ all'anno, ci sono paesi in cui la situazione è critica: a febbraio 2019, per esempio, l'attaccante della Primera Division argentina Macarena Sanchez ha fatto causa alla Federazione per stipendi di fatto inesistenti : il compenso mensile è di 11 euro.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su