Canali

PASQUA E TURISMO RELIGIOSO IN ITALIA

Tg Pop News

Indecisi su dove andare a Pasqua?

Una soluzione potrebbe essere quella del turismo religioso. Consultando il portale dell’associazione O.R.I., Ospitalità Religiosa Italiana, una sorta di booking.com in versione spirituale, si  può scegliere, per la Settiamana Santa, fino a 4.000 strutture per le proprie vacanze. Ovviamente occorre adattarsi agli standard del turismo religioso: svegliarsi all’alba, apprezzare il silenzio e dimenticare sigarette e alcolici fuori dai pasti. Queste regole, che spaventano molti, in realtà non fanno paura ai millennials. Sono in aumento, infatti, gli under 30 che scelgono un turismo lento e sostenibile, fatto di cammini e pellegrinaggi.

Vacanze religiose in Italia

Quello del turismo religioso è un settore che non conosce crisi: solo in Italia vale 5 mld di euro e conta ben 5,6 mln di presenze annue. Secondo l’Organizzazione Mondiale del Turismo, in Italia è possibile visitare 1.500 santuari30.000 chiese e 700 musei diocesani. In cima alla lista delle mete spirituali italiane più visitate c’è Roma, seguita da AssisiSan Giovanni Rotondo e San Giovanni a Piro.

Turismo religioso all'estero

In Spagna si conta che, durante le vacanze di Pasqua, mezzo milione di persone passerà per l’aeroporto di Malaga. Oltreoceano, invece, a Cancún, in Messico, sono attese ben 650.000 persone tra turisti e devoti.

Mercato di articoli sacri

A Pasqua è previsto anche il boom di acquisti per oggetti come statuettesantiniimmagini sacreciondoli rosari. Durante la Settimana Santa il settore del commercio di articoli sacri crescerà. Stiamo parlando di un compartimento che, in Italia, conta 718 imprese per un totale di 1.300 dipendenti e un fatturato di 33 mln di euro.

Pasqua e le app religiose

Ma la Pasqua di quest'anno sarà anche più tecnologica. Chi non potrà seguire le processioni di persona, potrà avvicinarsi a Dio con un click grazie ad alcune app, come PregaudioiBreviary Click to Prayche consentono di vivere lo spirito della Pasqua direttamente dal divano di casa.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su