Canali

Marco Scordo

LEHMAN BROTHERS E IL FUTURO

Lehman Brothers anni fa dichiarò bancarotta e trascinò il mondo nella crisi finanziaria del secolo

Wallet

Oggi parliamo del crack del secolo, crack nel senso del rumore delle ossa di una delle più grandi banche del mondo che si sbriciola, un suono che nulla ha di umano. Parliamo di Lehman Brothers.

Esattamente 10 anni fa la banca americana Lehmann Brothers dichiarò bancarotta e trascinò il mondo intero nella crisi finanziaria del secolo. La faccenda terribile dei mutui subprime ricordate? La grande bolla immobiliare che imprigionò decine di migliaia di poveracci come nel ventre di un calamaro gigante.

L’Istituto newyorkese colò a picco per la falla enorme dei subprime, bruciò attivi per 691 miliardi di dollari e lasciò a casa 25 mila dipendenti. L’indice Ow Jones suonò e le campane a morto, fu insomma l’apocalisse.

 

La crisi Lehman Brothers e i millennials

La notizia è che oggi ufficialmente i millennials tra i 25 e i 35 anni, che di quella crisi non avevano alcuna colpa, da quella crisi di fatto non sono mai usciti.

Lehman ha fregato loro il futuro e i Prime Earning Years, gli anni di guadagno principale, sicchè gli spettri di quelle centinaia di manager con gli scatoloni in mano, la lacrima in tasca e la carta di credito azzerata vagano ancora tra di noi.

Non è un caso che secondo il rapporto ISTAT sull’occupazione, il tasso di disoccupazione degli under 25 è molto più alto, mentre per la fascia tra i 24 e i 25 anni è del 16%, tra i 35 e i 49 scende del 10%.

Insomma, l’eredità Lehman è questa: la finanza vent’anni fa ti faceva sniffare i mutui e derivati e tu gasatissimo ti sentivi come sfera  e basta, oggi ti passano sotto il naso il btp e ti intristisci come un prigioniero nella casa del Grande Fratello.

 

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su