Canali

MOBILITÀ FERROVIARIA IN ITALIA, POPOLO DI SANTI, POETI E PENDOLARI

Al tg pop di oggi il rapporto Pendolaria di Legambiente fotografa il trasporto ferroviario in Italia

Tg Pop

Da 4 anni a questa parte l’Italia registra un vero e proprio record di viaggiatori quotidiani, la mobilità ferroviaria si è intensificata.

Sono circa 5 milioni le persone al giorno che prendono il treno o la metropolitana. Lo dice il rapporto pendolaria 2018 di Legambiente che fotografa il trasporto ferroviario in Italia.

Aumenta il numero di passeggeri, segnando un nuovo record rispetto al 2012, + 8% in soli 4 anni.

Inoltre, sono poco più di 2 milioni i pendolari in Italia che quotidianamente scelgono i treni regionali per spostarsi. Mentre sono circa 2 milioni i passeggeri della metropolitana, vettore presente in 7 città italiane: Milano, Roma, Napoli, Torino, Genova, Brescia e Catania.

Se aumentano i passeggeri, aumenta anche il divario nella qualità del servizio erogato. Nel sistema ferroviario emergono differenze enormi tra città e città.

Secondo il rapporto, la grande qualità e la velocità dell’offerta tra Bologna e Firenze non ha paragoni al mondo. Sono 162 i treni che viaggiano a 300 kilometri orari ogni giorno, collegando i due capoluoghi di regione.

Non va così bene altrove.

 

La mobilità ferroviaria in Italia: i casi peggiori

Relativamente alla mobilità ferroviaria in Italia, i casi peggiori sono la Roma-Lido di Ostia e la circumvesuviana, la rete della zona orientale e meridionale dell’area metropolitana di Napoli.

In questi casi la scarsa qualità del servizio ha fatto registrare una perdita di oltre 60 mila utenti.

Il rapporto sottolinea che ogni volta che lo Stato investe, il servizio migliora notevolmente e cresce il numero dei passeggeri.

Le risposte pubbliche destinate al trasporto su ferro sono diminuite del 20% e le stime per il 2019 parlano di un’ulteriore perdita del 6,2%.

Il vero ritardo infrastrutturale riguarda le grandi aree metropolitane che in Italia rappresentano il 42% della popolazione nazionale, con ben 25 milioni di abitanti.

Qui il divario con il resto dell’Europa è significativo. L’Italia è servita da 239,6 kilometri di rete metropolitana.

Lontano dai 672 kilometri della Gran Bretagna, dai 648,3 chilometri della Germania e dai 609,7 chilometri della Spagna.

In vista di un futuro dove la mobilità sarà sempre più green investire su ferrovie e metropolitane sarà davvero strategico.

 

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su