Canali

LAVORO: TRA CENTRI PER L'IMPIEGO E REDDITO DI CITTADINANZA

TG POP vi parla di centri per l'impiego, agenzie del lavoro e reddito di cittadinanza

Tg Pop

Partiamo dai centri per l’impiego: in Italia sono la rete deputata a distribuire il lavoro a chi non ce l’ha.

Il centro per l’impiego è una struttura pubblica che mette in relazione domanda e offerta.

Al riguardo, il nostro Paese investe poco rispetto al resto dell’ Europa: 8 mila dipendenti contro i 115 mila della Germania e i 78 mila del Regno Unito. I centri distribuiti sul territorio sono invece 550.

Il reddito di cittadinanza è alle porte e un rilancio in termini di efficienza è una sfida necessaria.

I dati ISTAT di ottobre parlano di più di 2 milioni di disoccupati.

 

Centri per l’impiego e agenzie del lavoro

A fare concorrenza ai centri per l’impiego ci sono le agenzie del lavoro.

Come è noto, le agenzie del lavoro sono imprese che forniscono prestazioni di lavoro sia al settore pubblico che a quello privati.

Il trend qui è decisamente migliore. Non solo, secondo una ricerca del Centro Studi Assolombarda il lavoro “somministrato” sarebbe in fortissima ascesa.

Per esempio, nell’area di Milano, Monza e Lodi si registra un incremento del 32% rispetto al 2017.

I vigilantes e gli addetti alla logistica sono le categorie più richieste.

Ma se il lavoro non c’è per molti la soluzione migliore è lasciare l’Italia.

La fuga dei cervelli continua e secondo l’Istat negli ultimi 5 anni gli italiani che hanno detto addio al Bel Paese sono 244 mila.

Nonostante la Brexit, la meta preferita rimane il Regno Unito. Seguono Germania, Francia e Svizzera.

 

Reddito di cittadinanza: come funziona?

Volete sapere il reddito di cittadinanza come funziona?

Prendiamo Francia e Germania: il reddito di cittadinanza minimo tedesco garantisce per i single maggiorenni una base di 400 euro a cui, a seconda dei casi, possono essere integrate spese di affitto e riscaldamento

I cugini francesi alzano l’età di ingresso ai 25 anni e garantiscono una base di circa 550 Euro.

Ovviamente sei i redditi di cittadinanza percepiti superano questa base si perde il beneficio, in caso di cifre inferiori invece lo stato integra la differenza.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su