Canali

Carlo Giolo

RICCA DIETA AL BETACAROTENE PER CUOCHI PIÙ SALUTARIA stare davanti ai fornelli ci si imbatte in rischi ma anche in sani e naturali rimedi

Mother Land

Quali nuove ci porta stavolta Lenny Carl? Vi diamo qualche suggerimento: cibo, arte e buoni odori fanno da contorno.

Ebbene sì, forse avete indovinato. È  andato a frugare proprio nelle cucine dei cuochi e ha scoperto un po’ di tutto.

Non solo cucine, anche studi dai quali è emerso che i cuochi possono soffrire nel tempo di importanti disturbi alla salute, in particolare al fegato e all’apparato respiratorio.

L’alimento causa è l’olio utilizzato per la frittura e la sua temperatura che raggiunge circa i 170°. Il tipo utilizzato, soprattutto per questioni economiche, è spesso quello di girasole il quale ha un punto di fumo che si aggira intorno ai 130°. Il risultato è cancerogeno per l’uomo.

In breve, il superamento di questa soglia di temperatura provoca una decomposizione dei grassi presenti in questo olio e lo sviluppo di sostanze, tra le quali la croleina, classificata dallo IARC come cancerogena.

 

Cuochi e rimedi naturali

Ma la situazione dei cuochi non è così al limite. Alcuni anni fa, infatti, è stato portato avanti uno studio molto importante, durato 18 anni, a Chicago, il quale ci dice che una dieta ricca di beta-carotene riduce del 13,5% il rischio di tumore ai polmoni.

Per arrivare a questo risultato sono stati coinvolti circa 3000 dipendenti divisi in 2 gruppi: un gruppo che si alimentava durante la giornata con una dieta normalissima e un altro gruppo che faceva una dieta che comprendeva alimenti ricchi di betacarotene, soprattutto foglie e radici di carota.

Questo nel tempo ha permesso di ridurre l’incidenza del tumore al polmone e all’apparato respiratorio di ben 13,5 volte in meno rispetto all’altro gruppo.

I dati parlano chiaro: ci sono dei rischi per i cuochi ma anche dei rimedi che se accolti permettono di continuare il proprio lavoro tra sapori, profumi e colori.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su