Canali

Sara Ruggeri

È IN ITALIA L’ALGA SPIRULINA, IL CIBO DEL FUTURO

Da uno speciale incontro nasce una start up ecologica, naturale, buona

Green

Ad attrarre in Italia la tanto apprezzata alga spirulina è Spirufarm, una start up innovativa che si è candidata come finalista all’Alimenta2Talent 2015 e attualmente è insediata al PTP Science Park.

Spirufarm si configura tra le sole 5 realtà produttrici in Italia di alga spirulina, la microalga “superalimento”.

La spirulina di Spirufarm è stata catalogata dalla FAO come l’ingrediente del futuro per l’elevato apporto nutrizionale e il basso impatto ambientale che la caratterizza.

Sappiate che come apporto proteico equivale ad una bistecca ma si produce con molte meno risorse.

Non è ottima solo la produzione ma anche il prodotto stesso, infatti, dopo prove di coltura e attenzione alla scelta dei nutrienti, Spirufarm è riuscita a modificare al meglio anche il sapore dell’alga, rendendola più gradevole al palato.

 

L’alga spirulina e l’incontro decisivo

L’idea nasce dall’incontro tra Stefano Ida, ricercatore che per molto tempo  si è dedicato allo studio delle microalghe, e Stefano Lanzoni, imprenditore agricolo on l’obiettivo di coltivare quel che la FAO ha definito “cibo del futuro” per l’innumerevole quantità di sostanze nutritive.

L’alga spirulina è il cibo con alto contenuto di proteine. È ricca di ferro, calcio, minerali e vitamine ed è molto adatta a nutrire ed offrire energia fisica e psichica.

Spirufarm è una delle prime aziende a coltivare l’alga spirulina in Italia in modo ecologico e per soddisfare la richiesta nazionale.

Quest’azienda ha anche un forte impatto ambientale, infatti punta a coinvolgere nel suo operato soggetti svantaggiati e di cerare un’industria circolare, la quale punta a sfruttare risorse che altrimenti andrebbero perdute.

L’alga spirulina di Spirufarm è un’idea tutta green e italiana, che sta piacendo molto per diversi motivi.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su