Canali

Ilaria Brugnotti

ECCO LA SF90: LA FERRARI PER LA FORMULA 1 DEL 2019

Lifestyle

La SF90 è la sessantacinquesima monoposto realizzata dalla Ferrari per il campionato del mondo di Formula 1. Il nome rende omaggio ai 90 anni della storia della Scuderia del Cavallino Rampante. La Casa di Maranello ha versato 3.663.222 di dollari per iscriversi al Campionato di Formula 1 del 2019. Ventuno gran premi in totale: si parte da Melbourne, Australia, il prossimo 17 marzo, mentre l’8 settembre sarà la volta di Monza, per il GP d’Italia. I piloti della stagione 2019 sono il tedesco Sebastian Vettel e il monegasco Charles Leclerc, primo pilota della Ferrari Accademy a salire a bordo di una Ferrari ufficiale di F1. La vettura è conforme ai nuovi regolamenti che hanno imposto numerose modifiche, rispetto alle monoposto del 2018. Fra le più evidenti quelle alle ali anteriori e posteriori. L’ala anteriore è più larga e più semplice nei suoi profili aerodinamici, quella posteriore è più larga e alta. Il regolamento 2019 della Formula 1 prevede che il peso della vettura salga da 733 chilogrammi a 743 (+10 kg), mentre la quantità di carburante disponibile per la gara aumenta di cinque kg, da 105 a 110. Inoltre viene stabilito che il peso minimo del pilota con il suo equipaggiamento (incluso il sedile) non deve essere inferiore a ottanta kg. Qualora l’insieme non arrivi agli ottanta kg sarà necessario piazzare della zavorra in posizioni predeterminate nella zona dell’abitacolo. La Power Unit di Formula 1 è formata da sei componenti. Si tratta del motore termico, un V6 da 1,6 litri di cilindrata, cui è collegato un turbocompressore. Ci sono poi due motogeneratori: la MGU-K (Motor Generator Unit Kinetic) e la MGU-H (Motor Generator Unit Heat). La MGU-K deriva direttamente da quel sistema noto con il nome di KERS, che recupera l’energia cinetica in frenata e la accumula nel pacco batterie fino a quattro MJ. La MGU-H invece è il motogeneratore che recupera l’energia termica dal turbo. Un altro degli elementi è il pacco batterie nel quale l’energia recuperata viene accumulata prima di essere impiegata. Il sesto componente è l’elettronica di controllo.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su