Canali

Elena Peracchi

I COSTUMI DA BAGNO ARTIGIANALI DI CARLO: DALLA SPIAGGIA AI NAVIGLI PT2

Carlo ha fatto del suo hobby, cucire costumi da bagno, un lavoro e ci è riuscito bene

Leaders

Carlo si appassiona al cucito da adolescente. Arriva a lavorare in una grossa azienda tessile ma si licenzia per dedicarsi al suo hobby: realizzare costumi da bagno artigianali.

Apre la partita IVA nel 2006. Con 30 centimetri di tessuto confeziona un bikini ogni 30 minuti.

Oggi Carlo ha un negozio, tre collaboratori e un fatturato di circa 200 mila euro l’anno.

Il traguardo più grande che ha raggiunto Carlo con la sua impresa è stato liberare alcune donne dal ferretto.

Il suo sogno è creare un brand che un giorno non abbia più bisogno di lui e crede che per fare questo si debba costruire una filosofia.

 

Costumi da bagno fatti a mano che nascono da un’intuizione

Carlo disegna i sui bikini fatti a mano secondo un’intuizione suggerita dalla danza e segue bene l’anatomia femminile. I tessuti che adopera sono tutti italiani, il taglio è artigianale e i colori fanno la differenza.

Quella di Carlo Galli con la sua Individuals è una storia di successo.

La sua idea è quella di proporre un prodotto che non può essere realizzato dal sistema industriale. I pezzo sono (quasi) unici, 12 i modelli in 60 varianti.

Individuals ha due punti vendita e vende i suoi costumi da bagno fatti a mano in 30 negozi multimarca.

Con i suoi costumi da bagno artigianali ha fatturato, nel 2014, 150 mila euro.

A chi non è venuto il desiderio di indossarli e donare alla propria estate un tono più personale e chic?

 

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su