Canali

Elena Maria Ottino

CERVELLI IN FUGA: COME FARLI RIENTRARE DALL’ESTEROSono previsti incentivi e bonus per lavoratori e studenti che decidono di ritornare dall'estero

Wallet

Ci sono due incentivi per far rientrare i cervelli in fuga dall’estero.

Per primo c’è il bonus dei lavoratori impatriati, ovvero, i lavoratori laureati, gli studenti universitari, i manager altamente qualificati.

Gli incentivi sono l’esenzione per 5 anni, del 50% del reddito prodotto in Italia.

I requisiti sono:

  • essere laureati
  • aver lavorato/studiato all’estero per 2 anni
  • spostarsi in Italia per lavorare

 

Cervelli in fuga: docenti e ricercatori

Poi ci sono i docenti e ricercatori, tra le file dei cervelli in fuga.

Gli incentivi per quest’ultimi sono l’esenzione per 4 anni del 90% del reddito prodotto in Italia, mentre per ciò che riguarda i requisiti, è importante che i laureati abbiano insegnato all’estero per 2 anni e si siano spostati in Italia per insegnare.

Ma attenzione! Per ottenere i bonus occorre che i cervelli in fuga abbiano la residenza fiscale, che significa risiedere in Italia per almeno 183 giorni all’anno, che rapportato all’anno vuol dire che bisogna trasferirsi prima del 2 luglio.

In caso di anno bisestile, prima del 1° luglio.

Abbiamo ancora speranza che i cervelli in fuga all'estero decidano di ritornare in patria, ci sono le condizioni ed anche il desiderio che quest'ultimi possano apportare valore anche al loro territorio d'origine.

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su