Canali

Manola Piras

FORCINITI, MOVIMENTO 5 STELLE: A MONTECITORIO CON BARRY LYNDON

Francesco Forciniti ci racconta la sua esperienza da parlamentare

Leaders

Francesco Forciniti, Movimento 5 stelle, nato a Corigliano Calabro, ha 33 anni, ha una laurea in Giurisprudenza ed è deputato in Affari costituzionali.

A Pop Economy racconta i festeggiamenti per la sua elezione a parlamentare, cosa ha fatto con il primo stipendio e spiega la forte presenza del suo lavoro nel Mezzogiorno.

Si racconta così: «Le notizia della mia elezione era un segreto di Pulcinella perché io, essendo candidato capolista del mio collegio, sapevo già da diversi mesi che sarei entrato in Parlamento.

Il primo momento di condivisione e di festeggiamento l’ho voluto dedicare ai miei genitori che mi sono stati vicino durante la campagna elettorale.»

Aggiunge che in Parlamento c’è bisogno di spendere bene le proprie argomentazioni e che non basta far scena o essere convincenti, è importante essere concreti e risolvere i problemi dei cittadini.

 

Forciniti, Movimento 5 stelle: l’attenzione ai giovani

Il duputato pentastellato riflette sui giovani e dichiara che quest’ultimi chiedono di essere ascoltati, molto di più di quanto la politica in passato non abbia fatto:

«Ci chiedono nuove occasioni di confronto e di partecipazione e soprattutto ci chiedono opportunità. Quindi dobbiamo mettere in campo tutta una serie di politiche a sostegno dell’occupazione giovanile.»

Forciniti, Movimento 5 stelle, ci confida che l’ultimo libro che ha letto è stato Barry Lindon e poi ci racconta che la prima cosa fatta con lo stipendio parlamentare è pagare l’affitto di una casa per lavorare più vicino al Parlamento.

Sull’influenza del Movimento al sud ci dice: «Il Movimento 5 stelle al sud ha dato una risposta a tutta quella parte di popolazione che è stata abbandonata dalla vecchia politica, che è stata usata come bacino di voti.

I cittadini non solo hanno votato noi per credere in qualcosa di nuovo, ma anche per partecipare a questo processo di cambiamento che stiamo portando avanti.»

 

QUESTO VIDEO MI FA SENTIRE

Torna su