Canali

Pop Economy XL

Inchieste, approfondimenti, talk, reportage, ritratti e tutte le keyword dell’economia: se 2 minuti di PopEconomy non vi bastano più, eccovi la versione extra large da 720 secondi.

 

Mostra di più

IL MONDO DELLA MUSICA È FERMO? RIPARTIAMO DALLE CANTAUTRICI

L’emergenza sanitaria non ha aiutato il mondo della musica che,  con concerti ed eventi annullati “è fermo, qualcuno dice anche morto.” Ma il critico musicale Michel...

Guarda

SCUOLA A LEZIONE

L’emergenza coronavirus ha portato a un’accelerazione del processo di integrazione tra didattica in presenza e online e ha visto le scuole di ogni ordine e grado, nell’arco di una se...

Guarda

VOLI PIÙ SICURI GRAZIE A UNA START UP ITALIANA

Le immagini che abbiamo visto si riferiscono al bridstrike più famoso della storia dell’aviazione civile: il 15 gennaio del 2009 il volo 1549 della US airways impatta violentemente contro...

Guarda

LA MUSICA PER L'EMERGENZA: ITALIAN ALLSTARS 4 LIFE

Irene Grandi, Diodato, Francesco Gabbani, Gianna Nannini sono solo alcuni degli artisti che hanno preso parte al progetto Italian Allstars for life.  Sono 50, infatti, i cantanti che ha...

Guarda

GIOCATTOLI IN QUARANTENA

 I giocattoli corrono sul web   Crisi del settore ma anche resilienza e nuove opportunità: il mondo dei giocattoli resiste alla pandemia. Ai microfoni di PopEconomy, Maurizi...

Guarda

MA LA UE LO SA CHE CI DEVE SGANCIARE QUALCHE SOLDO?

Lasciamo stare le pinzellacchere. Lasciamo stare che muovendosi all’unisono come i tre moschettieri, o come le tre Parche dell’Antica Grecia, le tre agenzie di rating - prima Moody’s...

Guarda
THE SHOOTER: PATRIZIA LAQUIDARA
THE SHOOTER: PATRIZIA LAQUIDARA

Michele Monina intervista Patrizia Laquidara Patrizia Laquidara è un’artista totalmente indipendente, tanto che per la realizzazione del suo ultimo album ha optato per il crowdfunding: “All’inizio è stata una scelta difficile – racconta Patrizia - perché io questa modalità non la conoscevo e per me era una sorta di elemosina: voleva dire elemosinare qualcosa al pubblico. Dopo una profonda riflessione, ho capito che utilizzare il crowdfunding voleva dire non solo credere nel mio pubblico, riporre in lui fiducia, un modo per tastarlo, ma anche avere un rapporto diretto con lui. Questa modalità di finanziamento è perfetta per un'artista indipendente che vuol fargli arrivare un messaggio diretto”. Il disco precedente era in versione pre-streaming. Ora questa è la fonte principale di ascolto musicale e gli strumenti potrebbero anche non esserci perché sono tutti schiacciati: “Nel mio album – racconta Patrizia ci sono archi, cori, fiati e questo lo devo al produttore artistico Alfonso Santimona che ha messo molte delle sue idee”. Col suo album “C’è qui qualcosa che ti riguarda” Patrizia Laquidara è arrivata tra i 50 finalisti del Premio Tenco 2019: “È stata una delle cose più commoventi della mia carriera. Arrivare in maniera completamente indipendente senza nessuna struttura che mi appoggiasse è stata una cosa incredibile. Ricordo di aver pianto per 10 minuti. Viviamo in un mondo che tende a piallare, a semplificare e questo disco non è difficile, è solo complesso: finché non riconosciamo che la nostra stessa esistenza è complessa allora anche un disco così apparirà complesso. Sto notando che abituiamo il pubblico a un’offerta anche banale. Tra gli altri progetti, sto lavorando a un libro che sto finendo con molto ritardo, ma lo sto concludendo, finalmente, anche perché voglio dedicarmi alla creazione di un disco. Faccio molti live, ma sento l’esigenza creativa d'incidere”.

Torna su