Canali

COME FUNZIONA IL FISCO IN UK PER I GIOVANI E DOVE SI PAGANO LE TASSE?

Per non rischiare di pagare due volte le tasse, sia in Italia che nel Regno Unito, fate attenzione

Se vi state chiedendo come funziona il fisco in Inghilterra, sappiate innanzitutto che, in attesa della Brexit, per i giovani che lavorano in territorio inglese, stabilire come tassare i redditi non è sempre così facile.

Per farlo, la prima cosa da considerare è l’iscrizione o meno all’Aire.

Secondo la regola generale, tutti i cittadini che lavorano all’estero e che non sono iscritti all’Aire sono fiscalmente residenti in Italia e devono ogni anno pagare le imposte sui redditi ovunque prodotti.

Chi non è iscritto, per essere fiscalmente residente in Italia, pur lavorando in Inghilterra, deve essere iscritto all’anagrafe comunale italiano per la maggior parte dell’anno.

 

Come funziona il fisco in Inghilterra: regole da considerare

È fiscalmente residente in Italia:

  • chi è iscritto all’anagrafe comunale per almeno 183 giorni all’anno
  • chi ha la residenza in Italia
  • chi ha il domicilio il Italia
  • chi si è trasferito in un paese a fiscalità privilegiata

Se fiscalmente residente in Italia e in Inghilterra si presentano le dichiarazioni ma occorre considerare anche altri fattori, per esempio, la soglia minima di reddito imponibile, prevista nel Regno Unito.

Chi la supera pagherà automaticamente le tasse inglesi. Per non pagarle anche in Italia, dovrà indicarle in dichiarazione e farsi riconoscere un credito pari alle tasse pagate in Inghilterra.

 

Come funziona il fisco in Inghilterra, a partire dalla dichiarazione

Per compilare la dichiarazione è necessario:

  • raccogliere CU e buste paga, italiane ed estere
  • verificare di aver superato la soglia minima di reddito imponibile

La situazione è diversa per chi risiede in Inghilterra. In questo caso valgono le regole britanniche.

È bene sapere che l’anno fiscale in Regno Unito inizia il 6 aprile e che sono previste le trattenute sullo stipendio lordo al netto dei contributi.

Non sono previsti bonus per spese sanitarie e d’affitto.

Tutto questo non vale solo in l’Inghilterra. Per capire dove pagare le tasse, le regole sono generali. La prima è l’iscrizione all’Aire.

 

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE